San Bernardo

Il Cane di San Bernardo, gigante assoluto della sua specie, è una razza canina tra le più conosciute al mondo.

Spesso, per ricostruire le origini della razza, si fa riferimento ai grossi mastini che le legioni romane lasciavano con le truppe destinate a presidiare i punti strategici sulle grandi vie di comunicazione. Pare abbastanza probabile che questa possa essere l'origine dei cani di San Bernardo e dei grandi Bovari diffusi in vari Cantoni svizzeri, ma la prima testimonianza certa della presenza di tali cani al Colle, (che allora si chiamava Col de Mont Joux), risale alla seconda metà del '600, quando il pittore napoletano Salvator Rosa ritrasse un grosso molossoide molto simile al moderno cane di San Bernardo.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Cane_di_San_Bernardo

Il Saluki o Levriero Persiano è forse la più antica fra le razze canine conosciute. Come razza pura, la sua storia si può far risalire di quasi 7000 anni. Largamente ammirato per la sua bellezza, velocità e resistenza il Saluki ha viaggiato nella storia attraverso il medio-oriente con le tribù nomadi del deserto; difatti l'habitat e l'origine della razza includevano una regione compresa tra il Sahara e il mar Caspio. Come risultato diretto, i tipi variavano in questa vasta area, principalmente nella taglia e nel mantello. Il Saluki, come tutti i levrieri fa parte della famiglia dei "cacciatori a vista" (sighthound in inglese).

Un vero Saluki mantiene le qualità dei cani da caccia. Possono sembrare riservati e indifferenti. Essi apprendono velocemente ma si possono annoiare dalla ripetizione, così le sessioni di addestramento dovrebbero essere brevi e variate. Il Saluki necessita di esercizio regolare, però si comporta in modo tranquillo in casa. Essi non abbaiano molto ma "cantano" quando sentono che qualcosa è sbagliato o quando un membro della famiglia sta via per un lungo periodo di tempo. Vanno d'accordo con i bambini ma devono essere rispettati quando vogliono essere lasciati soli e riposare. Sensibile e intelligente, il cane Saluki non dovrebbe mai essere addestrato usando la forza o le maniere forti. Sono di solito tranquilli e non abbaiano senza ragione. Il Saluki è più lento del Greyhound ma è molto più resistente. Può mantenere la sua notevole andatura anche fino a 4-6 Kilometri, mentre lo sprint del Greyound si esaurisce dopo 400-600 metri

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Saluki

 

 

Il Samoiedo è una razza canina che prende il nome da un termine obsoleto usato per indicare, tra gli altri, il popolo dei nenci, che vive in alcune aree della Siberia. Coloro i quali tra questa etnia svolgono l'attività di pastori nomadi di renne (Nenci della Tundra) allevano questo bianco, soffice e allegro cane per aiutarli nel lavoro, trainare le slitte quando si spostano, e mantenere caldi i propri padroni dormendo sopra di essi. Nel 1896 i coniugi inglesi Kilburn-Scott iniziarono a dedicare la loro vita alla ricerca e alla formazione del samoiedo moderno, attraverso una selezione mirata alla produzione di soggetti da esibizione, con l'intento soprattutto di fissare il colore bianco puro.

È un cane nordico da traino e l’immagine che offre è soprattutto di eleganza, vigore e agilità. È un cane di media-grande taglia, idealmente dovrebbe arrivare a 57cm al garrese per il maschio e 53cm per la femmina con una tolleranza di + - 3 e pesare tra i 20kg e i 30kg. Ha un corpo forte e muscoloso con un mantello molto folto e consistente resistente alle intemperie e alle basse temperature. Il pelo che incornicia la testa sembra formare una specie di collare attorno alle spalle e al collo. La sua caratteristica è sicuramente il mantello bianco o crema molto denso. Anche la coda è una sua particolarità. Gli occhi sono scuri solitamente marroni. Inoltre, l'incurvatura delle labbra e la forma degli occhi, conferiscono a questo cane un aspetto sorridente, dal quale deriva l'espressione "Sorriso del Samoiedo", caratteristico di questa razza.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Samoiedo

 

 

Lo Schnauzer è una razza di cani di origine tedesca.

La razza proviene dagli allevamenti di bovini e ovini nella regione del Württemberg, in Germania, dove la sua presenza è attestata fin dal XVI secolo: alcuni esemplari compaiono anche in dipinti di Rembrandt. Nato come cane per la caccia al ratto, tanto da guadagnarsi il soprannome di "cacciatore di topi" (i grandi baffi, che gli hanno valso il nome, hanno consentito allo schnauzer di essere particolarmente efficiente nella caccia ed eliminazione dei topi nelle scuderie e nei granai) si è poi specializzato come cane da compagnia. Ha ottimi rapporti con i cavalli e per questo motivo era spesso utilizzato nelle stalle. Dallo schnauzer medio si sono sviluppati in seguito lo schnauzer gigante e lo schnauzer nano. Il suo nome deriva da quello di un cane presentato in una mostra nel1879, e significa "muso baffuto". Quando venne fondato il Pinscher Schnauzer Club tedesco nel 1895, lo schnauzer medio veniva ancora chiamato "pinscher a pelo ruvido". In passato, al cane venivano tagliate le orecchie e la coda, ma questa pratica è caduto in disuso in tempi recenti. Lo schnauzer è un cane da utilità antico, identificabile oggi con il moderno Schnauzer medio di colorazione pepe e sale. Era utilizzato per scortare nei boschi le carrozze di cavalli, anticipandole al trotto, e vigilare sul cammino di queste segnalando ogni tentativo di incursione e aggressione. Questa attitudine fa sì che, ancora oggi, lo schnauzer ed i cavalli si trovino naturalmente e reciprocamente a proprio agio.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Schnauzer_(razza_canina)

Setter Inglese

Il Setter Inglese è una razza canina originaria dell'Inghilterra, affinata intorno al 1808 da Sir Edward Laverack (1798-1877) dopo un'accurata selezione a partire da vari ceppi genetici preesistenti in terra d'albione. In seguito la razza venne conservata e ne venne promossa la diffusione ad opera di Sir. Purcell Llewellin e di William Humphrey. È un cane molto dolce e mite, adatto sia alla compagnia ed eccellente per la caccia (sia da riporto che da ferma). Infatti il nome stesso deriva dalla predisposizione del cane di flettersi in vicinanza della preda. Il nome deriva dal verbo to set (puntare) e non to sit (sedersi) come molti credono. I Setter Inglesi che fermano seduti non sono cinofilicamente più pregiati di quelli che fermano in piedi.

Le sue antiche origini risalgono addirittura al 1500, periodo in cui il conte Leicester adoperò il Setter in battute di caccia.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Setter_Inglese

Questo cane è molto vivace ed è adatto alla caccia. Il Setter Scozzese o Setter Gordon è un cane da ferma britannico di media taglia, meglio conosciuto come Setter Gordon.

Il Setter Gordon è una razza nata verso la metà del XIX secolo. Pare sia nato dall’incrocio tra un Setter Inglese e un Border Collie. Secondo alcuni esperti, contribuirono alla formazione della razza anche il Setter Irlandese ed il Bloodhound o Chien di Saint-Ubert. Forse nelle vene dei setter scozzesi scorre il sangue anche dei Pointer.
Il nome della razza deriva da quello dei duchi di Richmond-Gordon di Scozia, ai quali si deve la creazione della razza. Questo setter è molto più massiccio e pesante del Setter Inglese. È adatto per il galoppo e la sua struttura fisica ricorda il corpo del cavallo da caccia (Hunter).
I Setter sono cani molto fedeli al padrone, li troviamo anche in altre razze come: Setter Inglese e Setter Irlandese

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Setter_Gordon

 

 

Il Setter Irlandese è un cane di origine irlandese di colore rosso mogano o Bianco e rosso. È una razza adatta sia alla caccia che alla compagnia, ma si presta anche a mostre canine.

I maschi hanno una statura di circa 61-70 cm e le femmine di 58-65; il peso maschile si aggira sui 27-40 chilogrammi e quello femminile sui 25-32. È un cane che rimane magro di costituzione, talché è consigliabile dosare con precisione la giusta razione di alimenti e pesare il cane, di tanto in tanto, per mezzo di una bilancia. Il suo muso è allungato, con canna nasale dritta e tartufo nero; i suoi occhi sono di colore marrone o nocciola scuro e le orecchie hanno forma triangolare e sono sottili; la coda è orizzontale e presenta frange. Il pelo è lungo tranne che sulla testa, di colore rosso mogano, dorato e luminoso, sempre in assenza di nero. È tollerata, ma non desiderata una macchia bianca sul petto che da vecchi allevatori era ricercata in quanto sinonimo di grande qualità venatoria. Il pelo impiega qualche anno per raggiungere la lunghezza tipica della razza. Notevolmente prolifico, è un cane molto longevo, soprattutto in relazione alla mole, potendo anche superare i 15 anni. L'andatura è caratterizzata da un galoppo sciolto e velocissimo.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Setter_irlandese

 

 

Lo Smooth Collie è un cane da pastore della varietà di Collie a pelo corto.

Il nome Collie deriva quasi certamente dal vocabolo anglosassone Col, che significa nero. Con questo termine venivano indicate le pecore scozzesi caratterizzate dal manto scuro e, di conseguenza, i cani predisposti alla loro conduzione e cura. Questi erano a loro volta chiamati Colley dogs e solo più tardi Collie. Fino al 1876, anno in cui il testo Book of farm di Henry Stephens incominciò a fare chiarezza, non ci si preoccuppava di distinguere tra il Collie a pelo lungo (Rough Collie) e quello a pelo corto (Smooth Collie). Fino al 1863, poi, anno della prima grande esposizione nazionale per cani da caccia e altre razze (svoltasi a Chelsea), il Collie veniva generalmente indicato con il nome di Cane da Pastore Inglese, provocando una grossa confusione con razze e affini. Fu solo nel 1895 con il riconoscimento ufficiale delle due varietà da parte del Kennel Club Inglese che si impose una definitiva chiarezza.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Smooth_Collie

Siberian Husky

Il Siberian Husky è un cane di taglia media di lontana origine siberiana. È una razza da lavoro anche se è diventato fra i più apprezzati cani da compagnia.

Il Siberian Husky è stato selezionato nella sua forma moderna negli Stati Uniti d'America a partire da cani originari della Siberia, dove era stato allevato per secoli dal popolo dei Ciukci per il traino delle slitte. All'inizio del '900 venne importato da Leonard Seppala in Alaska, dove si stavano iniziando a diffondere le gare tra slitte trainate da cani, nell'ambiente dei cercatori d'oro; per la sua taglia, che era piccola rispetto a quella dei cani allora utilizzati per il lavoro, i cani di Seppala furono derisi con il dispregiativo di “piccoli topi siberiani”. Ma ben presto, a seguito dei loro grandi successi nelle gare, vennero rivalutati.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Siberian_Husky

Il Segugio Iitaliano a pelo raso è una razza di cani da caccia, di origini italiane.

Molto si è dibattuto sulle origini di questa razza. Secondo alcuni l'origine è antichissima: le prime selezioni di questo segugio sarebbero avvenute in Gallia attraverso incroci del Segugio da corsa egiziano (portato in europa dai Fenici) con il Molosso romano. Purtroppo le testimonianze sono molto scarse, per non dire assenti. Esistono raffigurazioni di segugi assimilabili al segugio italiano attuale, riferibili al periodo del rinascimento, quando in Italia si è fortemente sviluppata la caccia alla lepre seguita con l'ausilio di grandi mute. In quel periodo venivano già importati segugi dalle nazioni limitrofe e quindi i progenitori del segugio italiano subirono certamente rinsanguamenti e quindi modificazioni, nel tipo morfologico e di lavoro. Dopo un lungo periodo di scadimento, in cui il segugio venne selezionato solo da pochissimi amatori e utilizzato empiricamente dai cacciatori delle campagne, il Segugio Italiano è tornato in auge nel primo Novecento per merito di organizzazioni che ne hanno rimesso in evidenza le più belle qualità di estetica e di lavoro. Secondo altri autori (Gildo Fioravanti, Luigi Peccorini Maggi), invece, non si può parlare di razza univocamente identificabile fino al primo novecento, periodo in cui fu redatto uno standard che fu poi di aiuto nell'uniformare le diverse, anche se simili, varietà di segugi sparse per la penisola.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Segugio_italiano_a_pelo_raso

 

 

Il Segugio Italiano a pelo forte è una razza di cani da caccia, di origini italiane.

Il segugio italiano a pelo forte ha, molto probabilmente, le stesse origini del Segugio italiano a pelo raso; in quasi tutta la penisola, infatti, sono sempre coesistite varietà di segugi a pelo forte e raso.
È simile al Segugio italiano a pelo raso. Differisce principalmente per il mantello, costituito da pelo ruvido lungo non oltre i cinque centimetri, ma più fine e corto sulla coda, sulle orecchie e sulla testa; i colori del mantello sono il fulvo e il nero focato (entrambi con ammesse macchie bianche, se ben localizzate). Per lo standard ha altezze al garrese minime e massime maggiori di due centimetri rispetto al Segugio italiano a pelo raso: è quindi leggermente più grande. Si ritiene inoltre che abbia temperamento più calmo e riflessivo del cugino a pelo raso, e che questo si rifletta in un approccio leggermente diverso alla caccia.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Segugio_italiano_a_pelo_forte

 

 

Lo Spinone Italiano è una razza canina di origine italiana.

Si ritiene che già nel 1683 in Italia esistessero questi cani, solo che venivano chiamati griffoni, come quasi tutti i cani da caccia a pelo ruvido in quel tempo.

Lo Spinone è una razza molto antica. Senofonte, Seneca, Arriano, Nemesiano, Grazio Falisco e altri autori dell'antichità scrivono di cani a pelo duro, probabilmente gli antenati dell'odierno Spinone. Nel 1683, il francese Sélincourt scrive nel suo libro Le Parfait Chasseur: "Les meilleurs griffons viennent d'Italie et du Piémont" (I migliori Griffoni provengono dall'Italia e dal Piemonte). La più antica immagine di uno Spinone del tutto simile a quello attuale risale invece al XV secolo. Si tratta di un affresco del Mantegna a Mantova, nella Sala degli Sposi del Palazzo Ducale. Utilizzata per secoli dai cacciatori che la impiegavano per la ferma della selvaggina su terreni difficoltosi, ciò dimostra che già allora il nostro Spinone godeva di una chiara fama. Il fatto che si parli di Griffoni e non specificatamente dello Spinone è dovuto al fatto che in quell'epoca, ed anche prima di allora, tutti i cani a pelo duro venivano chiamati Griffoni, per meglio distinguerli dagli altri cani da ferma con mantelli diversi. Per secoli questa razza si mantenne pura, pur rimanendo in mano ai cacciatori che spesso finalizzavano l'allevamento alla sua pratica utilizzazione, piuttosto che basarlo su seri principi di selezione. La sua diffusione andò scemando, come per altre razze da ferma e non solamente italiane, con l’avvento dei cani inglesi. La ripresa ufficiale della razza è storia abbastanza recente ed il vero recupero della razza avvenne negli anni '40 e '50 per opera soprattutto del dott. Brianzi, e oggi essa è tutelata da un discreto numero di seri allevatori, che fanno dell'attuale standard morfologico e di lavoro un comune denominatore.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Spinone_Italiano

Shar Pei

Lo Shar Pei è una razza canina di origine cinese riconosciuta dalla FCI.

Lo Shar Pei è una razza canina nata in Cina, dove, molto lentamente, si è evoluta fino ad arrivare all'aspetto odierno. La razza è famosa per il suo particolare carattere, adatto a chi cerca un animale affettuoso e giocoso. La sua storia ha inizio attorno il 2000 a.C. con i molossidi giunti in Cina dagli altopiani del Tibet.
Le testimonianze vere e proprie dello Shar Pei le troviamo nei dipinti della dinastia Han, dal 206 a.C. al 220. È ormai noto che esiste da secoli nelle province cinesi che si affacciano sul Mar Cinese meridionale. Questa razza, secondo gli studiosi, si sarebbe evoluta nella zona meridionale della Cina (in Guangdong) dove veniva impiegata dai contadini per la guardia e, solo successivamente, per le lotte tra cani.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Shar_Pei

Shih-Tzu

Lo Shih Tzu è una razza canina di origine cinese.

Documenti e disegni risalenti al XVI secolo, mostrano dei piccoli cani somiglianti a dei leoni in miniatura ( gli Shih- Tzu vengono anche chiamati “piccoli leoni”, a volte). Nel XVII secolo i cani sono stati portati dal Tibet alla città proibita di Pechino ed allevati incrociandoli con il Lhassa Apso, il Tibetano e il Pechinese. Lo Shih-Tzu è diventato il cane preferito dalla corte imperiale cinese. Venivano dati dai monaci agli imperatori come omaggio accompagnato dalla benedizione.
Per molti anni questa razza non è mai stata esportata e il primo cucciolo esportato in Inghilterra risale al 1930. Oggi questa razza è molto popolare e conosciuta sia come cane da compagnia che come cane da esibizione.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Shih-Tzu

Lo Spitz tedesco è un cane molto antico, diretto discendente del Canis familiaris palustris rutimeyer, che viveva nelle torbiere nell'Età della pietra. I nomi tedeschi delle diverse varietà sono: Wolfspitz (Gigante), Grossspizt (Grande), Mittelspitz (Medio), Kleinspitz (Piccolo) e Deutscher Zwergspitz (Nano).

Gli Spitz tedeschi hanno pelo liscio e soffice, con coda folta a pennacchio. Sono di carattere allegro e affettuosi con il padrone, ottimi cani da compagnia e, nelle varietà di dimensioni maggiori, da guardia. Sono facilmente addestrabili e robusti.
Tutti gli spitz tedeschi sono caratterizzati dal pelo liscio e soffice; ricco di sottopelo. Hanno un fitto collare intorno alla testa e un folto pennacchio sulla coda. Il pelo necessita di attenzioni e di cure, in particolare per i soggetti da show.
Sono cani molto affettuosi e molto amorevoli con il proprio padrone. Cani allegri e gioviali, ma piuttosto riservati con gli estranei. Si tratta soprattutto di cani da compagnia, e, le varietà di taglia più grande, hanno una spiccata attitudine alla guardia. Essendo molto intelligenti, sono facilmente addestrabili. Sono degli ottimi compagni per i bambini. Sono cani che tendono ad ingrassare con una facilità estrema, perciò, la persona che ne ha cura, deve sempre stare attento all’alimentazione. Sono cani robustissimi. Gli Spitz di taglia più piccola sono “cani da appartamento”, ma quelli di taglia più grande possono benissimo vivere anche in giardino.

...continua...http://it.wikipedia.org/wiki/Spitz_tedesco

torna indietro