DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL’ANIMALE


Considerato che ogni animale ha diritti,
Considerato che il disconoscimento e il disprezzo di questi diritti hanno portato e continuano a portare l’uomo a commettere crimini contro la Natura e contro gli animali,
Considerato che il riconoscimento da parte della specie umana del diritto all’esistenza delle altre specie animali costituisce il fondamento della coesistenza della specie nel mondo,
Considerando che genocidi sono perpetrati e altri ancora se ne minacciano,
Considerato che il rispetto degli animali da parte dell’uomo è legato al rispetto degli  uomini fra loro,
Considerato che l’educazione deve insegnare sin dall’infanzia ad osservare, comprendere, rispettare ed amare gli animali,

SI PROCLAMA...

ANAGRAFE CANINA

L’iscrizione all’Anagrafe Canina, presso la ASL di competenza, oltre che essere un Diritto e un’utilità per il proprietario, è un Obbligo di legge; permette di risalire al proprietario in modo rapido, in caso di smarrimento dell’animale; permette alla Pubblica Amministrazione di conoscere la distribuzione e la tipologia della popolazione canina sul territorio, per poter adottare i provvedimenti sanitari più opportuni e le iniziative tese a favorire la convivenza tra cittadini e cani.
L’iscrizione del proprio animale va fatta esclusivamente rivolgendosi o al Servizio di Medicina Veterinaria dell’ASL o presso il Medico Veterinario accreditato all’ASL stessa.


Cane con bandiera europa

METODI D’IDENTIFICAZIONE

·  TATUAGGIO CUTANEO INDELEBILE generalmente posto all’interno della coscia o nell’orecchio; l’Ufficio Anagrafe Canina dell’ASL provvede a rilasciare un numero da riportare nel tatuaggio stesso, effettuato successivamente dal proprio  veterinario.

·  MICROCHIP da applicare sotto cute, codifica un numero di identificazione univoco rilevabile attraverso uno strumento elettronico.

· MEDAGLIETTA solitamente agganciata al collare, nella quale è possibile far incidere il proprio indirizzo e numero di telefono.

IL PASSAPORTO PER I CANI

Il Regolamento CE n. 998/2003 (e successiva modifica del 30 marzo 2004) dell'Unione Europea stabilisce che cani, gatti e furetti che viaggiano nei paesi dell'Unione Europea devono avere un passaporto. Il documento identificativo, rilasciato dall'Asl, è obbligatorio dal 1° ottobre 2004.

Per verificare che il passaporto appartiene a quel detrminato cane o gatto, le Asl, prima di rilasciarlo, dovranno verificare che si apresente il "microchip indicativo che viene iniettato sotto la cute dell'animale dai veterinari autorizzati, in una parte del corpo che verrà poi specificat sul passaporto (esempio: spalla destra, sinistra, collo etc.) inseime al numero del microcip.

Il passaporto è necessario per tutelarsi dai rischi sanitari e deve contenere i dati anagrafici del proprietario dell'animale, deve certificare le eventuali vaccinazioni effetuate all'animale e obbligatorialmente la vaccinazione antirabbica effettuata almeno ventuno giorni prima della partenza.

Ventiquattro ore prima della partenza il veterinario certificherà, apponendo un timbro sul passaporto, che l'animale è in condizioni di salute idonee per il viaggio.

Passaporto EU
Passaporto cane

VIAGGIARE CON IL CANE

Che si viaggi in auto o su qualsiasi altro mezzo, esistono regole ben precise per il trasporto del cane.

In auto

Esiste un articolo del Codiec della Strada (uk 169, cc. 1 - 6 - 10) che stabilisce che per il trasporto di un solo animale non è necessario un divisorio all'interno dell'abitacolo. Il cane non deve rappresentare in alcun modo pericolo o impedimento perchi è alla guida e deve sempre stare sul sedile posteriore.
Nel caso di più animali l'installazione della rete divisoria nella parte posteriore dell'auto è obbligatoria.

Nei mezzi pubblici

In treno è consentito trsportare gratuitamente cani di piccola taglia che, solo se strettamente sorvegliati dal padrone, possono essere tenuti sciolti. Quelli più grandi devono restare al guinzaglio.
Di solito anche i passeggeri a quattro zampe pagano un biglietto seppur ridotti. Meglio però informarsi in anticipo. I cani guida per non vedenti viaggiano gratuitamente.

In Treno

I cani di piccola taglia possono liberamente viaggiare in traghetto; i più grandi possono farlo al guinzaglio. Anche per il viaggio via mare consiglio di infrmrsi per tempo. Come per i treni, i cani guida possono viaggiare gratuitamente in tutte le navi.
Sulle navi da crociera di norma non si accettano cani (solo straordinariamente quelli di taglia molto piccola).

In Nave

Pur avendo ogniuna le proprie regole, generalmente le compagnie aeree accettano in cabina i cani piccoli, sotto i 10 kg, nelle apposite gabbiette. Se consentito dal comandante, il cane potrà uscire dal trasportino durante il volo.
Gli esemplari di media e grande taglia viaggiano in gabbie sistemate nella stiva. Poichè il viaggio in stiva non è molto gradevole per il vostro amico, cercate di evitarlo se non strettamente necessario. Ai cani guida è permesso restare a bordo co il padrone.